Annuncio
Accedi

Ho dimenticato la password

Ultimi argomenti
» Auguri di buona domenica
Mar Lug 18 2017, 05:42 Da leno lazzari

» Legge sulla tortura
Dom Lug 16 2017, 21:53 Da leno lazzari

» Finanziamento pubblico ai quotidiani di partito
Dom Lug 16 2017, 20:32 Da leno lazzari

» Decrescita: può essere un'alternativa
Dom Lug 09 2017, 21:50 Da etabeta255

» Governo di Macron perde tre ministri
Sab Lug 08 2017, 06:44 Da etabeta255

» Fine settimana
Ven Giu 30 2017, 16:36 Da Giova45

» Compleanno Fax
Ven Giu 30 2017, 11:40 Da Severino

» Per molti di noi è un momento un pò così
Gio Giu 29 2017, 06:37 Da leno lazzari

» Andrea Camilleri parla ai giovani
Mer Giu 28 2017, 23:31 Da GrandeRobin

Chi è in linea
In totale ci sono 6 utenti in linea: 0 Registrati, 0 Nascosti e 6 Ospiti

Nessuno

[ Vedere la lista completa ]


Il numero massimo di utenti online contemporaneamente è stato 179 il Mer Nov 11 2015, 12:44
Cerca
 
 

Risultati secondo:
 

 


Rechercher Ricerca avanzata

Avater ultimi 10 utenti connessi

Statistiche
Abbiamo 197 membri registrati
L'ultimo utente registrato è Javierhed

I nostri membri hanno inviato un totale di 2113 messaggi in 226 argomenti

Sulle pareti delle arterie è scritta la salute futura del cervello

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

avatar
Teo
Amministratore
Amministratore
Messaggi : 9228
Punti : 15842
Reputazione : 116
Data d'iscrizione : 03.11.14
Età : 18
Località : Cremona
Vedi il profilo dell'utente https://www.ilforumditutti.net

MessaggioTeo il Mar Gen 12 2016, 10:51

Le arterie svelano la salute futura del nostro cervello, il rischio di soffrire di declino cognitivo negli anni a venire. Infatti uno studio pubblicato sulla rivista Hypertension dimostra che l'elasticità delle arterie (ovvero la flessibilità delle loro pareti che è importante per 'pompare' il sangue) stimabile con un'ecografia dei vasi è un'ottima 'unità di misura' del rischio di declino mentale di individui sani, insospettabili.

Lo studio è stato svolto presso la Emory University di Atlanta.

Si tratta di una ricerca importante, commenta Giuseppe Paolisso, Rettore della Seconda Università di Napoli, proprio per la semplicità con cui si può misurare questo parametro vascolare, ovvero attraverso l'ecografia dei tronchi aortici, un esame che si fa di routine.

E' noto che l'arteriosclerosi impatta sulla salute del cervello deteriorandone le funzioni cognitive. Ma la novità del lavoro è che anche un individuo sano, in assenza di questa malattia, può essere a maggior rischio di declino cognitivo se i suoi vasi sanguigni sono poco elastici.

Gli autori del lavoro, su cui Paolisso ha pubblicato un editoriale sulla stessa rivista, hanno scelto un campione di 591 individui sani di età media 49 anni e valutato nel tempo se l'elasticità della parete dei vasi arteriosi potesse essere predittiva di un rischio di declino cognitivo. I ricercatori hanno monitorato annualmente sia l'elasticità dei vasi con l'ecografia, sia le performance cognitive del campione ed hanno riscontrato che all'aumentare della rigidità dei vasi aumenta il rischio di un repentino declino cognitivo in individui di per sé insospettabili perché sani.
http://www.ansa.it/saluteebenessere/notizie/rubriche/salute_65plus/medicina/2016/01/11/sulle-pareti-delle-arterie-scritta-la-salute-futura-cervello_d2ae616f-be16-47e5-9c2a-310c50e5e56e.html
avatar
lorenzo 70
Utente Super Attivo
Utente Super Attivo
Messaggi : 1003
Punti : 1486
Reputazione : 10
Data d'iscrizione : 08.11.14
Vedi il profilo dell'utente

Messaggiolorenzo 70 il Mer Gen 13 2016, 13:27

Non e' una novità,le arterie se danneggiate possono provocare parecchi danni.

_________________

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

Crea un account o accedi per rispondere

È necessario connettersi per poter rispondere.

Registrati

Entra nella community creando un account, è facile!


Crea un nuovo account

Accedi

Hai già un'account? Allora accedi!


Accedi

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum