Annuncio
Accedi

Ho dimenticato la password

Ultimi argomenti
» Auguri di buona domenica
Mar Lug 18 2017, 05:42 Da leno lazzari

» Legge sulla tortura
Dom Lug 16 2017, 21:53 Da leno lazzari

» Finanziamento pubblico ai quotidiani di partito
Dom Lug 16 2017, 20:32 Da leno lazzari

» Decrescita: può essere un'alternativa
Dom Lug 09 2017, 21:50 Da etabeta255

» Governo di Macron perde tre ministri
Sab Lug 08 2017, 06:44 Da etabeta255

» Fine settimana
Ven Giu 30 2017, 16:36 Da Giova45

» Compleanno Fax
Ven Giu 30 2017, 11:40 Da Severino

» Per molti di noi è un momento un pò così
Gio Giu 29 2017, 06:37 Da leno lazzari

» Andrea Camilleri parla ai giovani
Mer Giu 28 2017, 23:31 Da GrandeRobin

Chi è in linea
In totale ci sono 3 utenti in linea: 0 Registrati, 0 Nascosti e 3 Ospiti :: 1 Motore di ricerca

Nessuno

[ Vedere la lista completa ]


Il numero massimo di utenti online contemporaneamente è stato 179 il Mer Nov 11 2015, 12:44
Cerca
 
 

Risultati secondo:
 

 


Rechercher Ricerca avanzata

Avater ultimi 10 utenti connessi

Statistiche
Abbiamo 197 membri registrati
L'ultimo utente registrato è Javierhed

I nostri membri hanno inviato un totale di 2113 messaggi in 226 argomenti

Microalghe diventano armi anticancro: trasportano i farmaci alle cellule malate

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

avatar
Teo
Amministratore
Amministratore
Messaggi : 9228
Punti : 15842
Reputazione : 116
Data d'iscrizione : 03.11.14
Età : 18
Località : Cremona
Vedi il profilo dell'utente https://www.ilforumditutti.net

MessaggioTeo il Ven Nov 13 2015, 09:53

Le nanoparticelle di alghe così create, aggiunte a delle cellule umane coltivate in laboratorio, sono state in grado di uccidere il 90% delle cellule tumorali Diatomee DiatomeeInviaStampaRedazione Tiscali Arriva dal mare la nuova possibile arma per trattare il cancro. Le microscopiche alghe diatomee possono essere infatti trasformate in fabbriche di anticorpi, e utilizzate per portare farmaci nelle cellule malate, lasciando intatte quelle sane. Lo dimostra la ricerca dell'università dell'Australia del Sud a Mawson Lakes, pubblicata sulla rivista Nature Communications.Coordinati da Nicolas Voelcker, i ricercatori hanno individuato nelle alghe un metodo per consegnare farmaci alle cellule malate più economico rispetto alle nanoparticelle. E' infatti molto costoso, attualmente, produrre nanoparticelle ricoperte di anticorpi, che si attaccano solo a delle molecole nelle cellule del tumore, rilasciando cosi' il loro carico tossico solo sul bersaglio voluto.
Le diatomee, alghe minuscole con dimensioni simili alle nanoparticelle (4-6 micrometri di diametro), unicellulari, sono avvolte naturalmente da uno scheletro di silice, una sorta di conchiglia dal guscio poroso. I ricercatori sono riusciti a modificare geneticamente delle alghe capaci di produrre, sulla superficie dei loro gusci, una proteina che si attacca ad anticorpi specifici per le cellule tumorali e capaci di assorbire anche i farmaci anti-cancro.Le nanoparticelle di alghe così create, aggiunte a delle cellule umane coltivate in laboratorio, sono state in grado di uccidere il 90% delle cellule tumorali, risparmiando quelle sane. Iniettandole nei topi, inoltre, si è il tumore è regredito.
http://notizie.tiscali.it/articoli/scienza/15/11/alghe-anti-tumore-123.html?scienza
avatar
Severino
Ex membro dello staff
Ex membro dello staff
Messaggi : 5881
Punti : 7237
Reputazione : 64
Data d'iscrizione : 16.08.15
Età : 62
Località : Marano Vicentino (VI) 136 m.s.l.m.
Vedi il profilo dell'utente http://severinografica.altervista.org/indexseve/indexseve.html

MessaggioSeverino il Ven Nov 13 2015, 14:28

Le medicine e i mezzi per adoperarle giuste in natura ci sono ... basta scoprirle ... e per scoprirle ci vuole la ricerca ... quindi, incentivare la ricerca dovrebbe essere una priorità pie serio

_________________

Sei un amico quando correzioni e rimproveri li fai in privato e in pubblico elogi (cit. di qualcuno)
La mia stazione meteo:  http://maranovicentinometeo.altervista.org/
La mia grafica:  http://severinografica.altervista.org/indexseve/indexseve.html

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

Crea un account o accedi per rispondere

È necessario connettersi per poter rispondere.

Registrati

Entra nella community creando un account, è facile!


Crea un nuovo account

Accedi

Hai già un'account? Allora accedi!


Accedi

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum