Annuncio
Accedi

Ho dimenticato la password

Ultimi argomenti
» Auguri di buona domenica
Mar Lug 18 2017, 05:42 Da leno lazzari

» Legge sulla tortura
Dom Lug 16 2017, 21:53 Da leno lazzari

» Finanziamento pubblico ai quotidiani di partito
Dom Lug 16 2017, 20:32 Da leno lazzari

» Decrescita: può essere un'alternativa
Dom Lug 09 2017, 21:50 Da etabeta255

» Governo di Macron perde tre ministri
Sab Lug 08 2017, 06:44 Da etabeta255

» Fine settimana
Ven Giu 30 2017, 16:36 Da Giova45

» Compleanno Fax
Ven Giu 30 2017, 11:40 Da Severino

» Per molti di noi è un momento un pò così
Gio Giu 29 2017, 06:37 Da leno lazzari

» Andrea Camilleri parla ai giovani
Mer Giu 28 2017, 23:31 Da GrandeRobin

Chi è in linea
In totale ci sono 3 utenti in linea: 0 Registrati, 0 Nascosti e 3 Ospiti :: 1 Motore di ricerca

Nessuno

[ Vedere la lista completa ]


Il numero massimo di utenti online contemporaneamente è stato 179 il Mer Nov 11 2015, 12:44
Cerca
 
 

Risultati secondo:
 

 


Rechercher Ricerca avanzata

Avater ultimi 10 utenti connessi

Statistiche
Abbiamo 197 membri registrati
L'ultimo utente registrato è Javierhed

I nostri membri hanno inviato un totale di 2113 messaggi in 226 argomenti

Per il benessere dei bambini insegnare la condivisione e la cooperazione

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

avatar
Teo
Amministratore
Amministratore
Messaggi : 9228
Punti : 15842
Reputazione : 116
Data d'iscrizione : 03.11.14
Età : 18
Località : Cremona
Vedi il profilo dell'utente https://www.ilforumditutti.net

MessaggioTeo il Lun Lug 27 2015, 11:28

Ogni genitore intuisce quanto siano fondamentali per il proprio bambino le interazioni con i coetanei, la capacità di relazionarsi con loro, ma anche di condividere i propri giochi imparando a gestire le complesse emozioni di rabbia e di tristezza. Tuttavia, forse non sa che lo sviluppo di buone abilità “sociali” influisce anche sul benessere futuro del piccolo, riuscendo a predire il suo successo scolastico e lavorativo.



Lo afferma uno studio dell’Università statale della Pennsylvania (Penn State) e della Duke University a Durham, apparso sulla rivista American Journal of Public Health e condotto su 753 bambini dell’asilo seguiti per vent’anni a partire dal 1991. L’analisi dei dati raccolti mostra che il successo dell’ultima fase dello sviluppo emotivo e sociale nell’infanzia, quando il piccolo entra nell’arena sociale, avrebbe delle ricadute anche in età adulta.

Infatti, la probabilità di aver terminato il college e di avere un lavoro a tempo pieno a 25 anni era maggiore per coloro che all’asilo aiutavano gli altri ed erano più propensi alla condivisione. Invece, i bambini con problemi legati alla cooperazione e alla risoluzione dei conflitti avevano maggiori probabilità di abbandonare la scuola, di avere problemi con la legge e disturbi legati all’abuso di sostanze come alcol o droghe.

L’IMPORTANZA DELL’INTELLIGENZA SOCIALE

L’importanza della cognizione sociale per tutti i primati, la cui vita dipende fortemente dagli altri membri del gruppo, è nota. L’intelligenza sociale di queste specie si è evoluta proprio per gestire le complesse relazioni che possono favorire la propria condizione di vita, esattamente come accade per l’uomo.

I ricercatori hanno trovato una forte associazione tra il successo in età adulta e il possesso da parte di piccoli di buone capacità sociali, come prestare attenzione agli altri, capire cosa provano, aiutarli, cooperare e condividere i propri giochi. «Si tratta di competenze che probabilmente fanno presagire la capacità di fare bene a scuola, di prestare attenzione e di gestirsi nel proprio ambiente» ha commentato Damon E. Jones, docente di Health and Human Development della Penn State University e alla guida del gruppo di ricerca.

INSEGNARE AI BAMBINI LA COOPERAZIONE

Quindi, secondo Jones, proprio nella prima infanzia – quando l’apprendimento di comportamenti diversi è più facile – i programmi scolastici dovrebbero concentrarsi anche sull’identificazione dei bambini con minori abilità sociali, per cambiare la traiettoria della loro vita futura.

Spesso – e in alcuni luoghi più che altrove - il successo scolastico viene messo al primo posto. Al contrario, invece della competizione, ai bambini dovrebbe venire insegnata la cooperazione e la condivisione. Saranno queste abilità sociali a favorire il loro successo futuro, scolastico e lavorativo.
http://www.ilsecoloxix.it/p/magazine/2015/07/27/ARjCrnGF-condivisione_cooperazione_benessere.shtml

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

Crea un account o accedi per rispondere

È necessario connettersi per poter rispondere.

Registrati

Entra nella community creando un account, è facile!


Crea un nuovo account

Accedi

Hai già un'account? Allora accedi!


Accedi

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum