Annuncio
Accedi

Ho dimenticato la password

Ultimi argomenti
» Auguri di buona domenica
Mar Lug 18 2017, 05:42 Da leno lazzari

» Legge sulla tortura
Dom Lug 16 2017, 21:53 Da leno lazzari

» Finanziamento pubblico ai quotidiani di partito
Dom Lug 16 2017, 20:32 Da leno lazzari

» Decrescita: può essere un'alternativa
Dom Lug 09 2017, 21:50 Da etabeta255

» Governo di Macron perde tre ministri
Sab Lug 08 2017, 06:44 Da etabeta255

» Fine settimana
Ven Giu 30 2017, 16:36 Da Giova45

» Compleanno Fax
Ven Giu 30 2017, 11:40 Da Severino

» Per molti di noi è un momento un pò così
Gio Giu 29 2017, 06:37 Da leno lazzari

» Andrea Camilleri parla ai giovani
Mer Giu 28 2017, 23:31 Da GrandeRobin

Chi è in linea
In totale ci sono 7 utenti in linea: 1 Registrato, 0 Nascosti e 6 Ospiti

etabeta255

[ Vedere la lista completa ]


Il numero massimo di utenti online contemporaneamente è stato 179 il Mer Nov 11 2015, 12:44
Cerca
 
 

Risultati secondo:
 

 


Rechercher Ricerca avanzata

Avater ultimi 10 utenti connessi

Statistiche
Abbiamo 197 membri registrati
L'ultimo utente registrato è Javierhed

I nostri membri hanno inviato un totale di 2113 messaggi in 226 argomenti

Una grande vittoria contro il cancro: il vaccino personalizzato che distrugge le cellule tumorali

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

avatar
Pocket
Utente Super Attivo
Utente Super Attivo
Messaggi : 2626
Punti : 3716
Reputazione : 35
Data d'iscrizione : 18.11.14
Località : Pesaro
Vedi il profilo dell'utente

MessaggioPocket il Sab Apr 04 2015, 10:59

Una ricerca della Washington University di Saint Louis, in collaborazione con l’Universita dell'Oklahoma, pubblicata su Science Express, è una speranza in più nella lotta contro i tumori. Dallo studio viene fuori il primo vaccino personalizzato contro il melanoma, capace di attivare una potente risposta immunitaria difensiva contro il tumore. E viene definito "personalizzato" perché costruito in base alle specifiche mutazioni genetiche del tumore in ogni singolo paziente. I ricercatori dapprima hanno sequenziato, per ogni paziente, il genoma delle cellule tumorali e di quelle sane, con l’obiettivo di identificare i geni mutati e, di conseguenza, le proteine, da loro fabbricate (chiamate neoantigeni: sono specifici per ogni tumore). Poi, grazie ad algoritmi e a test di laboratorio, hanno cercato di identificare quei neoantigeni maggiormente in grado di stimolare la risposta immunitaria perché riconosciuti come estranei dall’organismo.
http://www.diggita.it/v.php?id=1452037
tr tr da noi invece tagliano i fondi

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

Crea un account o accedi per rispondere

È necessario connettersi per poter rispondere.

Registrati

Entra nella community creando un account, è facile!


Crea un nuovo account

Accedi

Hai già un'account? Allora accedi!


Accedi

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum