Condividere
Vedere l'argomento precedenteAndare in bassoVedere l'argomento seguente
avatar
Utente Super Attivo
Utente Super Attivo
Messaggi : 2626
Punti : 3716
Reputazione : 35
Data d'iscrizione : 18.11.14
Località : Pesaro
Vedi il profilo dell'utente

Allarme della Protezione Civile per la “Processionaria”

il Dom Mar 15 2015, 19:51
La Protezione Civile ha lanciato un allarme di massima attenzione per la proliferazione sul nostro territorio della Processionaria, bruco dall’insolito e inconfondibile comportamento in grado di provocare irrimediabili danni alla nostra salute e a quella dei nostri amici a quattro zampe. Il clima favorevole e l’avvicinarsi della primavera hanno favorito il moltiplicarsi di questi insetti ed è solito incontrarli in processione durante le marce di trasferimento da un albero a un altro anche in città. I danni che può provocare entrare in contatto con la peluria che ricopre il loro corpo hanno caratteristiche preoccupanti e di difficile soluzione, con conseguenze anche mortali per gli animali! Pertanto è importante saperle riconoscere ed evitarle. Ma che cosa è la processionaria? La processionaria è un insetto lepidottero, cioè una farfalla che prima di essere tale è un bruco delle dimensioni di 2/3 CENTIMETRI. Il suo corpo è ricoperto da una fitta peluria che è la parte urticante dell’insetto. Riconoscerli è molto semplice proprio per il loro comportamento durante gli spostamenti. Così come dice il nome, si accodano l’un l’altro, vincolati capo con coda, sino a formare una “processione” lunga anche un metro o più. Questo comportamento che incuriosisce i cani nelle passeggiate è il pericolo maggiore: l’animale annusandoli o peggio ancora ingerendoli si procura un danno irreparabile alle mucose. Sintomo del contatto è una intensa salivazione da parte dell’animale, provocata dal violento processo infiammatorio principalmente a carico della bocca ed in forma meno grave dell’esofago e dello stomaco. Il fenomeno non accenna per niente a diminuire, anzi con il passare dei minuti, soprattutto la lingua, a seguito dell’infiammazione acuta, subisce un ingrossamento patologico a volte raggiungendo dimensioni spaventose, tali da soffocare l’animale. Per l’uomo i danni non sono da meno: Chi incautamente tocca questi bruchi processionanti o maneggia i loro nidi, o addirittura alcune foglie, dove possono trovarsi immagazzinate spoglie, peli e frammenti di peli dei bruchi, si accorge subito della loro proprietà urticante. I danni provocati dalla penetrazione dei peli di processionaria nella nostra cute possono essere modesti o assumere notevole gravità. Nella pelle dove si infiggono le setole o i loro frammenti, insorge un molestissimo eritema papuloso fortemente pruriginoso che può scomparire dopo qualche giorno; mentre conseguenze più gravi si hanno quando i peli o frammenti di essi, giungono a contatto con l’occhio, la mucosa nasale, la bocca o peggio ancora quando penetrano nelle vie respiratorie e digestive.
http://www.qelsi.it/rassegna-stampa/allarme-della-protezione-civile-per-la-processionaria/
Vedere l'argomento precedenteTornare in altoVedere l'argomento seguente
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum