Benvenuti nel forumditutti,se volte passare qualche momento di tranquillita' iscrivetevi,potete usare anche l'app facebook connect
Gli amministratori vi danno il benvenuto,e' tutto gratis



Annuncio
Accedi

Ho dimenticato la password

Chi è in linea
In totale ci sono 11 utenti in linea: 0 Registrati, 0 Nascosti e 11 Ospiti :: 1 Motore di ricerca

Nessuno

[ Vedere la lista completa ]


Il numero massimo di utenti online contemporaneamente è stato 179 il Mer Nov 11 2015, 12:44
Cerca
 
 

Risultati secondo:
 

 


Rechercher Ricerca avanzata

Avater ultimi 10 utenti connessi

Statistiche
Abbiamo 195 membri registrati
L'ultimo utente registrato è I_am_a_vip

I nostri membri hanno inviato un totale di 1960 messaggi in 187 argomenti

SLA, speranza reale di cura dalle staminali/Scoperta negli Stati Uniti la proteina che rigenera il cuore dopo l'infarto

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

avatar
Pocket
Utente Super Attivo
Utente Super Attivo
Messaggi : 2626
Punti : 3716
Reputazione : 35
Data d'iscrizione : 18.11.14
Località : Pesaro
Vedere il profilo dell'utente

MessaggioPocket il Sab Set 19 2015, 10:50

Non si può parlare ancora di cura definitiva per la SLA, la sclerosi laterale amiotrofica, ma è di certo un punto a favore della ricerca e della lotta contro questamalattia neurodegenerativa quello segnato dai primi 18 trapianti di cellule staminali celebrali eseguiti dal prof. Angelo Vescovi.

Essi rientrano in una specifica sperimentazione relativa alla patologia condotta su dei pazienti italiani per mostrare la sicurezza di questo tipo di protocollo legato al trapianto di cellule staminali. Uno dei risultati più importanti raggiunti in questa studio di fase I? In 3 pazienti è stato riscontrato anche un evidente beneficio neurologico. Lo ripetiamo, si tratta di risultati preliminari che però danno la speranza di poter raggiungere in futuro ad una terapia che possa portare alla guarigione.
Le cellule staminali cerebrali umane sono state prelevate da feti abortiti spontaneamente e nel corso del follow up dei pazienti che hanno subito il trapianto non sono stati rilevati effetti collaterali importanti legati alla procedura: fattore questo che rende possibile continuare con lo studio considerando sicuro il protocollo di azione. E’ innegabile che come approccio terapeutico contro la SLA, questo appena presentato sia all’avanguardia rispetto a ciò che è stato provato finora. Questo non significa che sia azzardata a livello deontologico: essa infatti è in accordo con le regole dell’Agenzia Europea del Farmaco e le cellula staminali prodotte seguono il regime GMP e sono certificate dall’Aifa, l’Agenzia Italiana del farmaco.
Ulteriori conferme ad ogni modo si renderanno necessarie. La buona notizia è che i dati raccolti daranno modo agli scienziati di passare alla fase II della loro sperimentazione nel 2016: ovvero quella parte in cui potranno dimostrare l’efficacia del loro protocollo terapeutico contro la SLA. I pazienti coinvolti saranno tra i 70 e gli 80. Nel caso in cui anche questa parte dello studio dovesse portare dei risultati positivi si passerebbe allafase III, quella in grado di dare il via libera alla terapia: le speranze di una cura per questa patologia si farebbero sempre più tangibili.
http://www.medicinalive.com/medicina-tradizionale/ricerca-e-sperimentazione/sla-speranza-cura-staminali/
Speriamo veramente che si trovi una cura
Unisco queste due ricerche perchè molto interessanti sei d'accordo pocket?
test effettuati su topi e maiali dimostrano che la follistatina-like 1 "ripara" i danni subiti da tessuti e muscolo cardiaco

09:44 - Esiste una proteina che ripara il cuore e rigenera i tessuti dopo un infarto: si chiama follistatina-like 1 (FSTL1) e su topi e maiali si è rivelata capace di stimolare la formazione di nuove cellule del muscolo cardiaco. La scoperta, effettuata dai ricercatori americani dell'Università di Stanford e descritta sulla rivista Nature, potrebbe aprire una nuova pagina nella cura dell'infarto e degli attacchi cardiaci.

Scoperta negli Stati Uniti la proteina che rigenera il cuore dopo l'infarto
Il cuore dei mammiferi non è infatti capace di auto-ripararsi completamente dopo una grave perdita di cellule del cuore, dette cardiomiociti, che si registra con l'insorgenza di un infarto. E fino ad oggi la comunità scientifica aveva scoperto poco o nulla sui fattori che limitano la rigenerazione delle cellule del muscolo cardiaco.

Lo studio statunitense, però, è riuscito a dare una spinta decisiva alla ricerca. Negli individui sani la proteina "miracolosa" si trova sull'epicardio, la membrana che circonda la parete del cuore. In seguito a infarto, invece, se ne perdono completamente le tracce. Utilizzando una sorta di cerotto bio-ingegnerizzato, che imita il tessuto dell'epicardio e funziona come una "riserva" di proteina FSTL1 negli animali infartuati, i ricercatori hanno osservato la crescita delle cellule del muscolo del cuore, nonché il miglioramento delle funzioni cardiache. Che tradotto significa sopravvivenza.
http://www.tgcom24.mediaset.it/salute/scoperta-negli-stati-uniti-la-proteina-che-rigenera-il-cuore-dopo-l-infarto_2133806-201502a.shtml

_________________
avatar
lorenzo 78
Utente IlForumdiTutti
Utente IlForumdiTutti
Messaggi : 625
Punti : 935
Reputazione : 7
Data d'iscrizione : 07.11.14
Località : Mondo di domani
Vedere il profilo dell'utente

Messaggiolorenzo 78 il Dom Set 20 2015, 11:08

Ricerche importantissime ciao c ciao c
avatar
Severino
Ex membro dello staff
Ex membro dello staff
Messaggi : 5855
Punti : 7199
Reputazione : 62
Data d'iscrizione : 16.08.15
Età : 62
Località : Marano Vicentino (VI) 136 m.s.l.m.
Vedere il profilo dell'utente http://severinografica.altervista.org/indexseve/indexseve.html

MessaggioSeverino il Dom Set 20 2015, 17:44

Speriamo, la sla è una brutta malattia ... se si potesse curarla almeno dito

_________________

Sei un amico quando correzioni e rimproveri li fai in privato e in pubblico elogi (cit. di qualcuno)
La mia stazione meteo:  http://maranovicentinometeo.altervista.org/
La mia grafica:  http://severinografica.altervista.org/indexseve/indexseve.html

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

Crea un account o accedi per rispondere

È necessario connettersi per poter rispondere.

Registrati

Entra nella community creando un account, è facile!


Crea un nuovo account

Accedi

Hai già un'account? Allora accedi!


Accedi

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum