Benvenuti nel forumditutti,se volte passare qualche momento di tranquillita' iscrivetevi,potete usare anche l'app facebook connect
Gli amministratori vi danno il benvenuto,e' tutto gratis



Annuncio
Accedi

Ho dimenticato la password

Chi è in linea
In totale ci sono 8 utenti in linea: 0 Registrati, 0 Nascosti e 8 Ospiti :: 2 Motori di ricerca

Nessuno

[ Vedere la lista completa ]


Il numero massimo di utenti online contemporaneamente è stato 179 il Mer Nov 11 2015, 12:44
Cerca
 
 

Risultati secondo:
 

 


Rechercher Ricerca avanzata

Avater ultimi 10 utenti connessi

Statistiche
Abbiamo 195 membri registrati
L'ultimo utente registrato è I_am_a_vip

I nostri membri hanno inviato un totale di 1960 messaggi in 187 argomenti

La chiave anti-Alzheimer è la carenza di una sostanza

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

avatar
Emma
Sviluppatore
Sviluppatore
Messaggi : 9219
Punti : 15822
Reputazione : 113
Data d'iscrizione : 03.11.14
Età : 19
Località : Cremona
Vedere il profilo dell'utente http://www.ilforumditutti.net

MessaggioEmma il Ven Apr 17 2015, 10:26

E’ stato scoperto che l’Alzheimer può dipendere dalla carenza di una sostanza importante per il cervello, l’amminoacido arginina, che verrebbe ‘divorato’ dalle cellule di difesa (sistema immunitario) del paziente. Questo è stato rivelato da uno studio su animali, che può portare a nuovi metodi di cura contro il morbo di Alzheimer.

Il consumo esagerato di arginina da parte delle cellule immunitarie è risultato molto importante per i processi patologici della malattia, per cui impedendolo si potrebbe curare.
Lo studio della malattia di Alzheimer su topi ha consentito di osservare anche una carenza crescente dell’amminoacido arginina, che viene eliminato via via ad opera dell’azione anomala di cellule immunitarie presenti.

Sempre sugli animali, gli esperti hanno dimostrato, che bloccando questo processo anomalo di ”digestione” dell’arginina, mediante l’uso di un farmaco sperimentale (DFMO, una molecola oggi in fase di sperimentazione clinica per alcuni tumori), l’accumulo di placche si riduce e anche i sintomi di perdita di memoria.

Si tratta di uno studio preliminare che lascia intravedere nuovi possibili interventi per rallentare la malattia.
http://www.diggita.it/v.php?id=1454954
avatar
Anna.Grazia
Utente IlForumdiTutti
Utente IlForumdiTutti
Messaggi : 181
Punti : 220
Reputazione : 20
Data d'iscrizione : 25.04.15
Vedere il profilo dell'utente

MessaggioAnna.Grazia il Dom Apr 26 2015, 11:21

Molto interessante questo articolo grazie per averlo postato!

_________________
avatar
Emma
Sviluppatore
Sviluppatore
Messaggi : 9219
Punti : 15822
Reputazione : 113
Data d'iscrizione : 03.11.14
Età : 19
Località : Cremona
Vedere il profilo dell'utente http://www.ilforumditutti.net

MessaggioEmma il Dom Apr 26 2015, 11:54

@Anna.Grazia ha scritto:Molto interessante questo articolo  grazie per averlo postato!
Prego,cerchiamo di postare qualsiasi cosa possa essere utile per qualsiasi malattia dito

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

Crea un account o accedi per rispondere

È necessario connettersi per poter rispondere.

Registrati

Entra nella community creando un account, è facile!


Crea un nuovo account

Accedi

Hai già un'account? Allora accedi!


Accedi

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum